Giovedì 29 Giugno 2006

- Sezione 6 - Dal 1994 a ieri - Approfondimenti

Open Source

La filosofia dell’Open Source, che prevede la distribuzione dei programmi insieme con il codice sorgente, è nata con l’informatica, mutuando un principio fondamentale della ricerca scientifica, ma è tornata prepotentemente alla ribalta delle cronache quando l’informatica è diventata un mercato planetario, uscendo dai confini della ricerca scientifica.

Curiosamente, la domanda su quando sia nata questa filosofia è meno pertinente di quella su quando il software sia diventato “proprietario”. Storicamente l’Open Source (ri)nacque nel 1984, quando un programmatore del Mit (Massachussets Institute of Technology), Richard Stallman, introdusse il concetto di copyleft, opposto al copyright, secondo il quale chiunque avrebbe utilizzato software messo liberamente a disposizione, in cambio avrebbe dovuto distribuire in rete (a quel tempo ancora confinata al mondo scientifico accademico) il codice che eventualmente aveva migliorato. Stallman propose la creazione del sistema operativo GNU, iniziando a rendere pubbliche, sulla rete, una serie di applicazioni software di utilità comune, con la sola clausola di rispettare il copyleft.

Nel 1991, Linus Torvalds, studente allora ventiduenne dell'Università di Helsinki, sviluppò un nuovo sistema operativo basato sulle applicazioni GNU (e su un altro famoso sistema operativo esistente, UNIX), per avere un sistema che funzionasse sul suo Personal Computer, invece di ricorrere agli ancora costosi calcolatori dei laboratori universitari. Nasceva Linux.

La filosofia della libera circolazione del software ha contagiato anche una serie di altri contesti che si legano alla proprietà intellettuale dell’informazione. La Rete, oggi, offre la possibilità di leggere libri, scaricare immagini filmati, musica in modo gratuito e con la libertà di modificarli e ridistribuirli. Alcuni degli argomenti scritti su questi pannelli, per esempio, sono tratti dall’Enciclopedia libera multimediale Wikipedia, disponibile in molte lingue e gratuitamente sul Web.

Home Tour virtuale Sezione 6 Approfondimenti